Trattoria Tipica a Caprarola

Banner

Visite Guidate e Guide Turistiche

Banner

Il nuovo libro sul Palazzo Farnese

Banner

Concita o senza Cita?

Venerdì 21 Ottobre 2011 20:58 Admin
Stampa PDF

b_300_209_16777215_0___images_stories_cdg.jpgDopo gli scontri violenti di Roma si scatenano le strumentalizzazioni politiche, ancora più violente e incoerenti di quelle dei black bloc.
Nel programma "Piazzapulita" in onda su LA7 di ieri sera, abbiamo ascoltato il peggio dalla politica e dai giornali italiani.

Concita De Gregorio, ex direttore de L'Unità, oggi a Repubblica, talmente abituata al rosso del suo ex giornale che non riesce a vergognarsi neanche quando accusa direttamente il Ministero dell'Interno,  con una violenza forse ancora più forte di quella dei black bloc, giudicando indecente la gestione della sicurezza a Roma durante il corteo a San Giovanni.
Tutti, dice Concita, sapevano che fin dal giorno prima lungo il percorso del corteo erano nascoste le sprange di ferro, lo sapevano anche i miei figli...
Interviene il giornalista Porro e chiede a Concita: hanno fato la denuncia? Ma i miei figli hanno 15 anni, risponde Concita... Porro incalza: hanno denunciato alla Polizia?
La Concita prima accusa e offende il ministro dell'interno, il sotto segretario Mantovano, il sindaco di Roma, l'intelligence di aver gestito indecentemente l'evento, chiedendone le dimissioni, poi ammette che i suoi figli sapevano della presenza delle spranghe e di averlo comunicato alla madre, ma sono così piccoli di età da non rendersi conto della gravità.
Questo è solo un esempio di come vengono strumentalizzate politicamente  le questioni italiane, in particolare quelle che riguardano direttamente i cittadini, quelli "indignati", quelli che hanno difficoltà ad arrivare alla fine del mese, forse anche al 15 del mese. Così, anche quando parte la protesta per rivendicare i propri diritti, intervengono i politici che senza vergogna deformano la realtà a proprio favore, peggio fanno i giornalisti abituati a reinterpretare i fatti ricostruendo una verità il più delle volte totalmente diversa dalla realtà purché faccia comodo al partito a cui si ispirano o peggio dal quale sono controllati.

 

b_130_0_16777215_0___images_stories_articoli_genova.jpg
Nella foto Carlo giuliani con passamontagna e l'estintore che stava lanciando nella camionetta: ingrandisci

Dopo l'incidente e i fatti del G8 del 2001 a Genova, dove perse la vita un manifestante mentre stava scagliando un estintore all'interno della camionetta dei Carabinieri, si scatenò il putiferio e le forze dell'ordine vennero accusate e processate per l'eccessiva violenza, mentre tutti sapevano perfettamente che Carlo Giuliani venne ucciso dal carabinere che per difendere la sua vita sparò un colpo intimidatorio che invece colpì Giuliani uccidendolo.
Si ribellarono gli studenti, i sindacati, le associazioni politiche, i partiti avversari al governo.

mt_ignore
Roma - disordini ottobre 2011

Ma la storia sembra ripetersi a Roma dove una delle immagini simbolo dei disordini è la foto di un ragazzo di Bassano Romano mentre lancia  un estintore verso i poliziotti, ma questa volta la fortuna per lui ha girato... nessuno ha sparato. Infatti, dopo quel triste evento del G8, dopo tanti incidenti durante molte manifestazioni quasi sempre alterate dalla violenza dei centri sociali e dai black bloc, e dopo gli incidenti a Roma nel dicembre 2010, la polizia e tutte le forze dell'ordine hanno ricevuto una direttiva ben precisa: non intervenire con la violenza ma tenere sotto controllo e dividere il corteo. E così è stato fatto anche con l'aiuto degli idranti o con i lacrimogeni. Infatti, non si sono viste cariche della polizia. Giusto o sbagliato, è stato scelto di non rispondere con violenza alla violenza.
Ciò nonostante arrivano ugualmente gli attacchi di certa stampa, come quella di Concita De Gragorio per capirci, che probabilmente  rivendica il sacrosanto diritto di manifestare e scioperare e la totale libertà di movimento anche se avvengono scontri così violenti, anche se gente totalmente estranea deve subire i disagi causati. Certo manifestare è un diritto e va difeso, ma chi difende i diritti dei privati cittadini? E quelli dei commercianti che rischiano di vedersi distruggere le vetrine del negozio, o privati che vedono bruciare la propria auto acquistata con lunghi sacrifici o addirittura quelli che si vedono bruciare la propria casa.
Chi paga? Nessuno se non hai una assicurazione contro atti vandalici, perché di vandali stiamo parlando, di quei delinquenti, da alcuni definiti anche terroristi, che hanno offuscato il senso della manifestazione, umiliando circa 200 mila manifestanti composti intervenuti con sane intenzioni da tutta Italia. Chi viene arrestato? Nessuno, perché la legge non ha sufficientemente condizioni e leggi per intervenire ed arrestare i manifestanti indagati, e del resto neanche certa stampa vuole perseguire certi delinquenti, purché appartengano ad una certa corrente, s'intende.
Ma a Concita, e a tutti quei giornalisti e politici che remano sempre e soltanto in una direzione a scapito della verità e dei diritti dei lavoratori, come nella manifestazione di Roma, poco importa del disagio sociale dei manifestanti. Per questa gente è più importante combattere l'avversario politico. E' stato contestato anche Di Pietro che ha proposto di rivedere certe leggi e renderle più dure. E' stata criticata anche l'idea di far pagare un  pedaggio di 2 euro ad ogni manifestante in modo da creare una specie di fondo cassa in caso di danni.
Concita tenta di inculcare in ogni suo articolo, ad ogni passo, in ogni apparizione televisiva, che gli indignati sono appartenenti solo ad una classe politica, che la giustizia è solo e sempre da una parte, come l'onestà, i sani principi, la giustizia. Ma è bene sottolineare a Concita che gli indignati siamo tutti noi cittadini italiani, quelli che sanno esattamente come stanno le cose, come funzionano tutti i meccanismi politici, e non siamo indignati solo verso la crisi economica, verso una classe politica corrotta, verso una giustizia latitante. Noi siamo indignati anche verso quella stampa che solo per pura contrapposizione mossa da una falsa ideologia, confonde la realtà disorientando gli italiani.
Questa non è informazione... è pura disinformazione alla faccia di quelli che una ideologia ce l'hanno davvero e la difendono fortemente anche se non arrivano alla fine del mese. Ma capiamo pure la posizione di Concita, tanto indaffarata a sparlare di tutti quelli che sono oltre la barricata. Del resto, cosa non si farebbe per tenersi stretto un caché da 600.000 euro annui? Di tutto e di più, soprattutto quando quel posto da direttore te lo ha regalato il partito, e non poteva essere diversamente. Si arriva anche a diventare paladini dei precari, dei lavoratori... si, quelli degli altri, perché quando si tratta dei propri lavoratori le cose cambiano. In un solo colpo  l'Unità dopo aver quasi dimezzato la sua tiratura durante i tre anni di direzione Concita, ha buttato fuori circa 40 giornalisti senza tanti complimenti.
Come si dice, predicar bene e razzolar male.

La foto di Concita De Gregorio è tratta da www.dirittodicritica.com

Ultimo aggiornamento Mercoledì 07 Dicembre 2011 08:53

Commenti  

 
#1 2011-10-22 08:36
con 600.000 euri ci si potrebbero sfamare tante famiglie di italiani che non hanno un lavoro. Queste sono le vergogne della politica che sperperano i soldi, tanto i giornali prendono i contributi dallo Stato e li ragalano ai raccomandati. Secondo me molti di quei soldi ritornano al partito a danno dei contribuenti. E pe fortuna che l'unità è il giornale del popolo.
Citazione
 
 
#2 2011-10-22 09:12
ma l'unità de che e di chi? Di quei quattro reduci ammuffiti che leggono un giornale vecchio come il cucco? L'unità è uno dei quotidiani meno letti, forse anche meno di topolino. Beato chi ci cede.
Citazione
 
 
#3 2011-10-22 09:24
ma chi lo legge sto giornale? A caprarola mesà che c'è rimasto solo rapò.
Citazione
 
 
#4 2011-10-22 10:13
so tutti ugali anche se hanno un vestito diverso
Citazione
 
 
#5 2011-10-22 10:28
cita è sempre incazzata con tutti perché le manca tarzan col perizoma.
Citazione
 
 
#6 2011-10-22 21:28
ma il perizome come deve essere? Va bene zebrato o leopardato?
Citazione
 
 
#7 2011-10-23 09:27
che bel dialogo...molto costruttivo!
Citazione
 
 
#8 2011-10-23 11:50
invece sono molto costruttivi quelli di concita che difende la violenza dei manifestanti ed accusa le forze dell'ordine.
Qui c'è poco da essere costruttivi con una che ritiene giusto bruciare le macchine o tentare l'uccisione dei poliziotti.
E' meglio prenderla a ridere e fare battute ironiche. Non è che la pensi come concita?
Citazione
 
 
#9 2011-10-25 16:25
Vi augurerei di avere un millesimo di intelligenza di Concita,ma voi nemmeno quella avete.Siete capaci solo di criticarla e basta per un odio contro la sinistra che vi portate appresso da sempre.Quanto siete ridicoli,vivete solo del vostro mondo,magari fatto di sole nocchie e terreni e poi sparate su chi guadagna effettivamente bene come la Concita che almeno parla un vero italiano comprensibile al contrario di voi che volutamente volete e sapete solo parlare in "caprolatto puro".
Fra voi che avete un bel portafoglio esentasse e la Concita che almeno le tasse le paga sui soldi che guadagna,prefer isco sicuramente LEI.
Chi vuole intendere intenda!!!
Citazione
 
 
#10 2011-10-25 18:15
No avete capito un clinz, o volgarmente chiamato c...zo.
Voglio dire solo una cosa, dei rpoblemi reali, il perchè dei cortei, il malcontento che si voleva dimostrare avete sentito qualcosa? Allora per chi è al potere in questo momento la violenza è andata bene, anzi, penso che sia stata incentivata. Fatto sta che tutto tace e si continuerà a parlare di ruby ed altre stronzate.
Citazione
 
 
#11 2011-10-25 19:43
evviva le manifestazioni pacifiche, abbasso concita che viene pagato coi soldi del partito e coi finanziamenti che lo stato da ai giornali. Capimose bene www, chi lavora otto ore al giorno se li guadagna i soldi, chi non sa se al prossimo mese riceverà ancora lo stipendio o sarà licenziato, chi viene assunto perché ha i meriti e non perché è raccomandato dal partito come concita. Quella non ha problemi, qualche posto lo rimedia sempre come tutti quei parassiti politici che se scambiano il ministero, la segreteria, l'incarico milionario. So tutti uguali, pensano solo a riempisse la saccoccia e il popolo ancora crede che è meglio sta a destra o a sinistra.
Citazione
 
 
#12 2011-10-26 11:41
Caro anonimo,so che Concita non se la passerà mai i poi mai male come tanta altra gente disoccupata in Italia, so anche però che non posso e non voglio paragonarla a certi altri soggetti della politica italiana quali Berlusconi,Prev iti,Papa equelli delle cricche che stanno intorno al premier.
Lei parla di rispetto delle regole e un po di giustizia sociale,parla delle problematiche della gente che storicamente sono state sempre difese dalla sinistra. Lei oltre a farsi i cavoli suoi come tutti d'altronde,pensa anche agli altri,pensa a costruire insieme ad altri bravi personaggi che abbiamo in entrambi gli schieramenti di centro destra e centro sinistra,una società più giusta e dove diritti e doveri debbono essere rispettati da tutti ad iniziare dai personaggi della politica.Non mi sembra che parli di chissà che cosa,in molti vorremmo avere oggi una "pulizia di fondo" in questa società italiana e per avere ciòbisogna liberarci dalle "mummie "che abbiamo in tutte le parti.
E' vero,è difficile portare avanti questo progetto dall'oggi al domani ,ma se non si inizia da subito a cacciare i CORROTTI PALESI,non si arriverà mai a creare un stato democratico vero.
Tutti possiamo fare qualcosa e in questo progetto,non penso che Concita sia la prima a doversene andare.
Citazione
 

Aggiungi commento

Vi preghiamo di adottare sempre un linguaggio corretto. I post offensivi verranno immediatamente rimossi

Codice di sicurezza
Aggiorna

hostaria

Banner

Visite Guidate a Palazzo Farnese

Banner

Cerca in archivio

Attività e Servizi

Immagine
Idraulico Caprarola - F.lli Pulcinelli impianti ...
Da 40 anni la nostra azienda è specialzzata nella progettazione e...
Immagine
Nunzi - Costruzioni in Ferro
Costruzioni in Ferro - Arredamento, Riscaldamento, Industria, Arredamenti per...

Unisciti a Noi

Banner

Chi è online

 80 visitatori online

Scopri il Palazzo Farnese

Banner

Altre notizie in archivio

Previous Succ.